Home Page Dagli uffici di Intercam La Regia di RadioValle Gli studi di Tele Boario La Valle Camonica La Concarena
 
UN ANNO DI RADIO
SANTO STEFANO 2008 Oggi 26 dicembre, il giorno dopo Natale, come da una nostra consolidata tradizione, che quest’anno compie 31 anni, sui 35 di storia della nostra Radio Valle Camonica, dedichiamo lo spazio del notiziario per fare un bilancio dell’anno che, tra pochi giorni, va a concludersi. Facciamo questa sorta di nostro bilancio sui dati della nostra emittente proprio oggi in ricordo di Stefano Baj che, assieme al sottoscritto in quell’ormai lontanissimo 6 novembre 1974, per primi in Italia, giovani e matti come eravamo al quel tempo, intuendo, che forse mancava qualche cosa per poterci esprimere al di fuori degli stretti spazi che ci erano concessi, o meglio, irraggiungibili sugli scarsi ed elitari mass media di allora, mettemmo insieme l’idea, seguiti poi dopo qualche mese da altri due matti come noi, Marzio Giussani e Mauro Donini, di realizzare e di fondare una radio… la prima radio pirata in Italia! La storia di questa nostra gloriosa emittente è stata posta da alcuni anni in un sito Internet (www.radiovallecamonica.it) che è stato visitato e letto da circa 3.500.000 naviganti (di cui solo quest’anno più di 900.000). Più di 7.000 e-mail sono giunte alla nostra direzione per chiederci informazioni o solamente per dimostrarci che ci avevano conosciuto navigando nella grande rete e ci avevano letto o ascoltato e avevano capito quale svolta avevamo noi compiuto allora, anche nel nostro piccolo, in una valle isolata e che poi aveva davvero dato una svolta alla società italiana tutta. E-mail ci sono giunte da più di 60 paesi esteri tra cui: Brasile, USA, Cina, India, Sri-lanka, Tanzania, Israele, Libia, Giordania, Turchia, Svizzera, Belgio, Olanda, Gran Bretagna, Francia, Spagna, Portogallo, Austria, Russia, Zaire, Costa d’Avorio, Kenia, Egitto, Argentina, Perù, Canada, Polonia, Sud Africa, Cile, Messico, Venezuela, Zimbawue, Cina, India, Sry Lanka, Danimarca, Paraguay, Costa d’Avorio, Mozambico, Honduras, Columbia, Equador ed altri paesi in cui oltre ad italiani ci seguono anche discendenti di italiani in quei paesi emigrati. Sono anni che racconto delle difficoltà che ora esistono a gestire una emittente come la nostra, con una miriade infinita di leggi, regolamenti e tasse, balzelli, concessioni, licenze, libri mastri, archivi, fogli notarili, controlli, schede tecniche, registrazioni su almeno 4 tipi diversi di supporti sia magnetici che cartacei, schede, schedari, timbri, ricontrolli, ecc ecc ... e ormai è assodato che solo la stupidità della burocrazia e di ciechi burocretini pieni di boria e del potere del timbro, dopo l’infame legge della “par col picio” che ogni anno inutilmente spero venga eliminata, dopo la miriade di garanti e di enti di controllo patetici, totalmente inutili ma molto, molto costosi da mantenere, che sono sorti solo per rendere difficile sopravvivere a tutta l’emittenza locale, solo l’infame burocrazia può fermare, anzi cancellare la libertà di espressione... Ma dopo questa doverosa, ormai classica ma sentita e vera premessa ecco i dati di quest’anno e debbo ancora una volta dire che malgrado le grandi difficoltà economiche dell’intero sistema paese e delle nostre zone in particolare e le riconosciute difficoltà nel settore... noi, abbiamo ancora una volta da proporvi dei dati, non solo quelli straordinari dell’indice di ascolto, che si possono ritenere positivi. Il bilancio economico di Radio Valle Camonica ormai è stabilizzato rispetto ai valori degli ultimi anni ed ha chiuso in attivo anche quest’anno (pagando ancor più degli scorsi anni una montagna enorme di inutili balzelli, tasse e tangenti statali, regionali, provinciali e locali e anche ai privati come alcune associazioni quasi a delinquere ma riconosciute dallo stato magione nelle sue particolari e recondite branche). La profonda crisi dei piccoli e medi negozi o attività, che ormai è cronica ovunque e che anzi si è ulteriormente aggravata negli ultimi tempi con le risultanze anche in questi giorni in cui non sono decollati i consumi se non nei gradi centri commerciali, è ormai una piaga difficile da sanare per un territorio piuttosto chiuso come il nostro. La nostra emittente, che è da sempre il barometro più sensibile dell’economia locale e delle sue difficoltà, registra questa situazione e ne denuncia l’attualità pur avendo raccolto e fidelizzato, ancora una volta, clienti mai raggiunti prima. Secondo alcuni sondaggi (da noi non commissionati o pagati e perciò nei nostri confronti al di sopra di ogni sospetto) effettuati nello scorso mese di ottobre Radio Valle mantiene vistosamente e saldamente il primo posto nell’indice di ascolto nella Valle Camonica e sul Sebino migliorando se, ancora possibile, rispetto al passato le sue statistiche rispetto allo scorso osservatorio in modo netto in tutta la Valtellina. In Valle Camonica, sul Sebino, in Val di Scalve, Radio Valle da sola ha più del triplo di ascolto che non tutte le altre emittenti messe assieme, infatti lo share giornaliero è pari, nelle ore di massimo interesse radiofonico, all’84% e settimanale pari al 78%, sono cifre che impressionano sempre, specialmente gli addetti ai lavori e che dimostrano il fortissimo attaccamento del territorio e della sua gente a questa nostra radio, malgrado ora, anche per merito nostro, la presenza in zona di molte altre emittenti che però non hanno, alle spalle, la storia, il radicamento e il gradimento di Radio Valle… Nelle nostre postazioni principali stiamo ospitando altre emittenti che ci hanno chiesto di servire il nostro territorio e dunque, grazie a noi in tutta la Valle Camonica sono udibili anche Radio 105 Network, Radio Lattemiele, Radio Monte Carlo, Radio Raphael, Radio Dimensione Suono, Radio Deejay, Radio Capital, Radio Cuore, Radio Donna, Radio Italia solo Musica Italiana, Radio Radicale e Radio 101 one-o-one Network. Da quest’anno attiveremo altre emittenti (anche televisive) in alcune zone ben specifiche sul territorio camuno. Alcune difficoltà tecniche in l’alta Valtellina sono state superate dai nostri tecnici e ora la bella valle dell’Adda è servita in modo ottimale su fino a Livigno dove i nostri ascolti sono decollati in modo esponenziale e sono molto alti, e aumentano costantemente tanto che la nostra presenza è stata valutata, sempre in ottobre, con punte del 22% giornaliero e 16% settimanale, migliorando, addirittura raddoppiando rispetto allo scorso anno con + 6 punti in percentuale. Da ormai 25 anni in uno dei nostri ormai innumerevoli computer (solo quest’anno abbiamo messo in linea altri 2 server nuovi e altre 2 nuove linee HDSL, oltre alle altre che, fornite direttamente da Intercam, nostra consociata, abbiamo da anni attive) vengono inseriti tutti i parametri e notizie possibili per poi poterli analizzare con calma e avere un quadro generale della nostra emittente. Dai tabulati che ho studiato ieri pomeriggio e questa mattina, prima di iniziare a scrivere questo redazionale, risultano dati che ogni anno mi rendono pieno d’orgoglio, e forse sono incredibili per chi non ci conosce o non conosce bene Radio Valle Camonica ma che sono del tutto normali per chi ci segue ormai da tanti e tanti anni. Andando con ordine riportiamo alcuni di questi “numeri” (estremamente indicativi della nostra attività ricordando che le cifre sono arrotondate sempre per difetto e non per eccesso e comprendono il periodo dal 27.12.2007 al 21.12.2008 (dunque 5 giorni fa): telefonate varie ricevute: 193.402 (più 1.008 dallo scorso anno): dunque mediamente più di 500 al giorno. pagine di fax ricevute: 13.973 (meno 7.300 dallo scorso anno) mediamente più di 38 al giorno E-mail ricevute su tutte le nostre caselle di posta 250.700 cioè circa 650 al giorno (dato in enorme espansione con più di 70.000 e-mail rispetto allo scorso anno escludendo lo spamm). Brani musicali presenti in archivio (al 19.12.2008): 996.050 (ci avviciniamo al milione di brani a nostra disposizione... molti di questi sono su supporto magnetico ma circa 600.000 sono ancora su vecchi LP o 45 giri che ora sono quasi completamente inutilizzati e sono solo, ordinati negli scaffali da abbellimento alle pareti della nostra sede. Ricordo anche il nostro lavoro di salvataggio di 41 vecchi brani , ormai introvabili su qualsiasi supporto, che abbiamo travasato su CD o su altri supporti elettronici e che abbiamo salvato da oblio certo, ricordando che molti sono registrazioni originali di gruppi o artisti locali anche di anni 50, 60 e 70: e dopo quelli salvati gli scorsi anni abbiamo un archivio storico locale che ormai supera le mille canzoni. Annunci urgenti trasmessi: 6.170 (più 199 dallo scorso anno). Annunci di lavoro trasmessi: 33.829 (quasi 1.200 più dello scorso anno). Annunci vari trasmessi: 36.764 (più 2.300 dallo scorso anno). Ore di notiziari locali: 1.088 con ben 25 ore in più dell’anno precedente (qualcuno si sarà accorto che i notiziari molte volte durano mediamente più dei 30 minuti con cui erano programmati nel passato). Ore di redazionali e commenti di Mauro: 860. Ore di trasmissioni culturali, degli alpini, di storia locale, di atletica e di servizi speciali: 1.480 Visite presso la sede: 4.220 (sono aumentati in modo esponenziale gli extracomunitari che vengono nei nostri uffici per chiedere la visione di annunci per lavoro o per fare annunci di questo genere, tanto che abbiamo dovuto limitare gli accessi solo alle ore mattutine per non vedere compromesso il lavoro negli studi a causa delle presenze di persone negli uffici di segreteria). Scolaresche o gruppi (un massimo di 20 unità per volta) che ci hanno visitato quest’anno: 7 con due gruppi di ragazzi diversamente abili. Persone che, hanno fissato appuntamento e sono venute a parlare direttamente con il sottoscritto (Mauro) per gravi o piccoli problemi personali o collettivi: 445 (mediamente sono tre o quattro i colloqui al giorno). Persone fatte ritrovare con nostri annunci: 3 Animali fatti ritrovare con nostri annunci: 77 Auto o moto ritrovate dopo nostri annunci: 9 Come accennavo prima un dato nuovo è quello delle lettere ed e-mail dall’estero, da quelli cioè che ci ascoltano anche da molto lontano: sono mediamente ormai più di 300 coloro che ci seguono quotidianamente in ogni angolo della terra e grande soddisfazione provo ogni volta che mi giunge una e-mail da un nuovo paese sapendo che ormai in ogni angolo del mondo è possibile seguire le nostre trasmissioni. Tutte le cifre che vi ho appena letto sono davvero impressionanti che dimostrano come la nostra Radio rimanga sempre saldamente come un punto fermo e forte di riferimento della società locale. Per dimostrare l’ulteriore espansione della nostra emittente va anche ricordato il notevole impegno economico che anche quest’anno abbiamo dovuto affrontare per rinnovare la tecnologia presente negli studi o sui ponti radio esterni: - è stata resa operativa una nuova rete di controllo relase per i ponti radio delle nostre postazioni di Sondrio, Bormio, Mantegone, Livigno, Monte Clemo, Portole, Canè, Monno e Paisco Loveno. - E’ stata riattivata proprio in questi giorni la nostra postazione di Saredòl per ottimizzazione del segnale su tutto l’alto Sebino Bergamasco e la bassa Valle del Borlezza. - Sono in approntamento due nuove postazioni per i prossimi mesi per servire in modo ottimale l’alta Val Seriana e la Val Cavallina. - Sono state revisionate alcune tratte di trasferimento segnale radio e resa operativa con un nuovo sistema via cavo, su banda assegnata, con tratte codificate per la trasmissione dati e audio le postazioni di Bormio e Livigno con due nuovi server che sono stati resi operativi nel mese di agosto. - E’ stato eseguito il potenziamento di alcune postazioni che hanno avuto, anche quest’anno ben 9 verifiche tecniche da parte dei tecnici dell’ARPA, per le emissioni da inquinamento per onde radio, che la nostra radio ha superato senza problemi in tutte le prove con valori sempre più di 100 volte al di sotto di quelle minime italiane che sono le più restrittive d’Europa. I controlli da parte di tecnici della ARPA hanno dimostrato, fuori ogni dubbio possibile, che tutte le nostre postazioni e la nostra sede sono in regola e si è dimostrato come i nostri apparati siano a norme e grandemente al di sotto (in alcuni casi di migliaia di volte !) delle pur basse soglie di attenzione previste in Italia. - Come ho ricordato alcune postazioni, specie quelle in Val Tellina e Val Seriana, sono state collegate tramite collegamenti HDSL e questo metodo di trasferimenti audio e di controllo, verrà potenziato ulteriormente anche quest’anno con l’attivazione di due altre linee a 20 e 40 MgBit di trasferimento dati. - Nella nostra postazione di Vigne, dove era stata resa operativa nel 2005, in collaborazione con il Centro Meteorologico Lombardo, una stazione meteo collegata con un ponte a microonde su banda HDSL della nostra rete LAN interna alla radio, i dati vengono ora trasmessi ogni 5 nanosecondi e dunque con una continuità che fino ad alcuni mesi fa era impossibile prevedere e rendere operativo. - L’opera però più impegnativa e costosa di quest’anno dopo la realizzazione, lo scorso anno, di una nuova sala di registrazione con una insonorizzazione orizzontale è stata la cablatura della stessa sala e di altre due sale di registrazione anche con audio trasferito a micro fibre ottiche, con sistemi di montaggio elettronico di altissima qualità. La nuova sala è anche collegata a tutte le altre sale di registrazione e specialmente alla regia della diretta e da cui vengono irradiate sia trasmissioni su CD, DVD, HD, MCD e anche in diretta audio video. - La nostra regia computerizzata ora controlla ben 13 server e computer collegati tra loro ma anche con altri 3 micro PC dell’ultima generazione, attivati solo il mese scorso di novembre, per le agenzie stampa e Internet in diretta. - Nuovi trasmettitori, ricevitori e lineari di potenza, anche in questi giorni, sono andati a sostituire alcune apparecchiature che, dopo aver fatto il loro dovere da alcuni anni, erano ormai vecchiotte: e per questo che il nostro segnale sicuramente è quello che si sente e si riceve meglio, in tutta la zona di copertura della nostra emittente. Insomma ci sembra che anche quest’anno, anche per i notevoli investimenti fatti, abbiamo mantenuto la nostra netta prevalenza sia nel delicato settore dell’indice di ascolto che nella messa in opera di nuove tecnologie. Molti sono i progetti in cantiere per il prossimo anno e sia io che i miei collaboratori più diretti saremo impegnati a restare sempre al vertice e a continuare a svolgere quell’importante e forse ormai insostituibile compito di informazione e intrattenimento che abbiamo insegnato a moltissimi altri a fare e che continuiamo a proporre in modo vero e senza condizioni... da tanti, tanti anni... e ci proponiamo di continuare ancora a lungo... Da alcuni mesi siamo anche travasando su DVD delle vecchie casette VHS o addirittura Betamax che ci rimandano le immagini, anche in bianco e nero, della storia della nostra emittente come alcune trasmissioni TV (ricordate il famossimo Tetton- Quiz, l’altrettanto grande Quizzettone, le serate in locali notturni o sale cinematografiche con tanti e grandi concorsi per grandi e piccini, ma anche la costruzione in alta montagna delle nostre storiche postazioni con i nostri tecnici di allora, tutti ben più magri, con più capelli e con parecchi anni in meno. Dopo più di 34 anni di vita della nostra Radio ormai siamo non solo i riconosciuti padri della Radiofonia privata in Italia, come rilevato da riviste specializzate più volte proprio quest’anno, ma anche quelli che cercano sempre di restare ai vertici. Lo ricordo con orgoglio: se lo scorso anno ci era stato ufficialmente riconosciuto, anche con la pubblicazione del grande volume sulla storia della Radio in Italia negli ultimi trent’anni, che siamo stati i primi, quest’anno anche il quotidiano più prestigioso in Italia, il Corriere della Sera ha riconosciuto che siamo stati i primi a fondare una Radio e che siamo anche l’unica, ripeto UNICA, emittente che dal giorno della sua fondazione non ha cambiato proprietà e direzione: chi l’aveva fondata e anche chi vi parla ora dopo tanti anni, con qualche chilo in più, qualche, anzi molti, capelli in meno ma con la stessa grinta di allora… è la stessa persona. Le stesse interviste che ho rilasciato e che sono state riportate su prestigiose testate giornalistiche come Millecanali e “Di più TV” hanno riportato della nostra emittente e della sua prestigiosa storia. Dunque oltre a fare gli auguri a voi per un bellissimo futuro con noi... non ci resta che farci gli auguri di essere sempre, ancora a lungo, la nostra e... vostra Radio Valle Camonica.
22-04-2011, 15:16
radiovalle e camunity
01-01-2011, 04:59
auguri 2011..............
26-12-2010, 05:19
radio valle....
25-12-2010, 05:42
auguri di buon natale 2010
01-01-2010, 05:54
auguri per il 2010
31-12-2008, 15:45
un anno di radio
26-12-2007, 07:09
radiovalle 2007
05-10-2007, 07:50
la formica e la cicala...
05-09-2007, 05:46
28-05-2007, 05:22
ip statico e dinamico...
26-12-2006, 06:31
radio valle camonica 2006
31-03-2006, 18:05
ricerche con motori di ricerca
31-03-2006, 18:03
motori di ricerca internet
31-03-2006, 18:02
ip statico e ip dinamico
31-03-2006, 18:01
linee adsl